“Sono un sostenitore di Plascore da molti anni”

John Weaver, Facilities Manager del Birck Nanotechnology Center dell’Università di Purdue

John Weaver conosce le camera bianche. Durante la sua lunga e diversificata carriera, John è stato responsabile della progettazione, costruzione e funzionamento di oltre 25 camere bianche nel mondo. I suoi progetti spaziano dall’impianto semiconduttore di 60,000 sq. di Kokomo, in Indiana al nuovo Birck Nanotechnology Center (BNC) dell’Università di Purdue, che si ritiene essere il più grande impianto di camere bianche accademico nel paese.

Quando è giunto il momento per John di applicare la sua esperienza al progetto da $58 milioni BNC, l’impianto di camera bianca Plascore è stata una scelta naturale.

“Per anni, ho trovato il pannello e l’impianto a parete Plascore essere molto semplice da usare” sostiene John. “E’ un impianto dalla durata eccezionale; che farà recuperare in maniera eccellente il nostro investimento. Esso è ben progettato e flessibile e i pannelli sono conduttivi con eccezionali finiture epossidiche.”

Vincitore 2007 Controlled Environments Experts’ Choice Award for Facility of the Year (“Premio Scelta degli Esperti dell’Ambiente Controllato per l’Impianto dell’Anno”), BNC comprende 187,000 piedi quadrati, incluso uffici per 45 facoltà, 21 per lo staff tecnico e amministrativo e fino a 180 studenti. Il cuore della struttura di 25,000 piedi quadrati è lo Scifres Nanofabrication Laboratorycleanroom.

La camera bianca è tipica camera bianca in stile semiconduttore di tre piani con un livello sottostante, livelo camera bianca e livello aerazione. Il design a vano più piccolo e incassatura più grande riducono il costo iniziale e permettono all’apparecchiatura di essere sostenuta attraverso le pareti dell’incassatura, uno stile particolarmente idoneo agli ambienti di ricerca. Sei vani sono zone bianche ISO 3 (Classe 1), cinque vani sono ISO 4 (Classe 10) e due vani sono ISO Classe 5 (Classe 100). Il design vano/incassatura è particolarmente idoneo in area sotto filtraggio, posizionando l’apparecchiatura nell’incassatura in cui i livelli di pulizia più bassi, il facile accesso per la manutenzione di routine aiutano la riduzione dei costi di funzionamento.

“Il design del Plascore a parete conferisce versatilità all’accesso al nostro vano e incassatura”, sostiene John, “e ci permette di modificare facilmente i pannelli con taglio esterno per i dispositivi usati in sedimentazione, schematizzazione, incisione e drogaggio. In un ambiente di Ricerca amp; Sviluppo in cui è particolarmente importante come un’apparecchiatura può essere modificata.”

Plascore produce numerosi sistemi a parete smontabili, soprattutto la famosa parete con telaio F50752″ che permette il fissaggio degli oggetti e la parete incamiciata L2550 104″ per l’allineamento di pareti tradizionali realizzare a blocchi o in gesso che spesso sono usate come perimetro delle camere bianche. Entrembe questi impianti a parete sono usati nel BNC; il F5075 è composto in particolar modo da pareti che separano il vano dall’incassatura.

Il sistema a parete è montato al piano sollevato utilizzando un binario a pavimento e alla griglia del soffitto utilizzando un gruppo binario di testa. Poi sono collegati i montanti e i pannelli sono installati per completare la parete. Le pareti possono essere facilmente riposizionate per allinearsi con lo schema della griglia del soffitto.

Mentre la confluenza delle condutture avviene al di sotto del piano sollevato, gli assi sul retro della parete rivolti all’incassatura hanno incavi a T che accettano il dispositivo di montaggio e le staffe Unistrut. In un ambiente in cui le più recenti apparecchiature da un milione di dollari sono la regola, la possibilità di collegare ripiani al lato posteriore della parete è un valore aggiunto.

“Potrebbe suonare banale sottolinearlo”, sostiene John, “ma i piccoli dettagli aiutano a rendere il tutto più produttivo e semplice da usare per l’utente. Noi possiamo facilmente adattare la funzionalità al retro della parete.”

La struttura è stata progettatta per ridurre i costi e la complessità di collegare sistemi alla nuova apparecchiatura; le installazioni di apparecchiature impreviste sono comuni in una struttura di ricerca.

“Noi dobbiamo poter avere la possibilità di modificare le pareti più volte”, aggiunge John. “Ecco quando si apprezza la flessibilità dell’impianto Plascore. Con la sua configurazione con dado a T e incavo a T utilizzando blocchi di montaggio e pannelli standard, la riconfigurazione è molto più semplice, con costi più bassi e minor turbamento per la nostra attività. Nonostante i migliori piani, il futuro sta cambiando anche nelle strutture per la ricerca.”

Plascore fornisce finestre e porte per le camere bianche. Speciali porte automatiche sono richieste in alcuna aree: i pannelli a parete sono stati facilmente modificati per accettare telai per porte di fornitori terzi. Una quantità significativa di vetro è stata prevista per il perimetro della camera bianca e le pareti interne della stessa. John ha ritenuto opportuno aderire a questo protocollo che incoraggia l’effetto “ëfish bowl” e accresce altresì la sicurezza rendendo gran parte della camera bianca visibile, esponendo le attività della camera bianca senza infrangere la stessa.

Il soffitto BNC combina filtri aria e illuminazione di terzi a pannelli per soffitto vuoti Plascore installati in un sistema a griglia 2′ x 4′. Pannelli e filtri a soffitto possono essere aggiunti o rimossi a seconda della necessità di pulizia o le modifiche di rapporto dell’area incassatura-vano. I pannelli per soffitto Plascore permettono di camminare o strisciare sul soffitto e garantiscono una superficie duratura facilmente pulibile per il soffitto dela camera bianca. “Avevo in mente la realizzazione di un soffitto tradizionale”, continua John. “I pannelli per soffitto calpestabili, unici di Plascore, sono un qualcosa in più.”

Casi studio Purdue:

cleanroom at purdue plascore case purdue cleanroom purdue